Città e Paesaggi, Cultura, Tempo libero

La Via Emilia, giardini da scoprire

I primi di maggio l’inserto domenicale di The Sun “Sun on Sunday” è stato pubblicato un articolo in cui la Via Emilia viene inclusa nella lista delle strade più belle 20 del mondo per viaggi d’esperienza.
L’articolo della reporter Lisa Minot racconta le motivazioni che l’hanno convinta ad inserire la Via Emilia all’interno di una panoramica mondiale delle ‘strade del sogno’ con, al primo posto, la famosa e prestigiosa ‘Route 66’, la strada che attraversa gli Stati Uniti dalla costa atlantica a quella del Pacifico.
“Lungo la storica Via Emilia – scrive ‘The Sun – si può sperimentare il meglio del viaggio su strada in Italia. Questa famosa strada corre dalla località balneare di Rimini fino alla storica Piacenza e lungo la rotta, il turista può far tappa a Cesena, Forlì, Faenza, Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma. In queste città, tante sono le delizie enogastronomiche che si potranno assaporare: dal Parmigiano-Reggiano al Prosciutto di Parma”. Gli appassionati di auto poi – suggerisce l’articolo – “avranno molte cose da apprezzare nella Motor Valley di questa regione. L’Emilia-Romagna è, infatti, patria di famosi brand motoristici mondiali: da Ferrari a Ducati, da Maserati a Lamborghini”.
Un riconoscimento che speriamo possa incrementare la visibilità del nostro territorio, perché l’Emilia è ricca di tesori e di un patrimonio artistico e culturale che va promosso all’estero e anche in Italia. (Fonte Ansa)

Parlando della Via Emilia, vogliamo soffermarci e raccontarvi, i meravigliosi giardini che si affacciano da Piacenza a Bologna. Vi abbiamo raccontato del Labirinto più grande al mondo di Franco Maria Ricci di Fontanellato in provincia di Parma, ora vi racconteremo delle altre opere botaniche che si trovano sul territorio.

Ammirare, apprezzare e saper cogliere la vita, che si cela in ogni luogo, in diversi momenti del giorno, delle stagioni, significa percepire i colori, i profumi e le luci. Queste sono le emozioni, che un giardino è in grado di suscitare nel cuore di chi lo ammira perché rivela la straordinaria bellezza della natura.

Il Parco del Castello di Grazzano Visconti – Piacenza

Il Parco del Castello di Grazzano Visconti è stato realizzato nel 900 per volere del Duca Giuseppe Visconti di Modrone. Il parco con la sua varietà arborea, si estende su una superficie di oltre 15 ettari. Nel parco hanno trovato un’accogliente dimora anche gufi, civette, picchi verdi e rossi, volpi, tassi, scoiattoli, picchi muratori, taccole e altri animali che con le loro apparizioni rendono la visita al parco, un’esperienza ancora più indimenticabile.

Parco del Castello di Grazzano Visconti

All’interno di questo esemplare di architettura del paesaggio, c’è anche uno spazio dedicato alle farfalle e alla coccinelle, chiamato Butterfly Heaven. In questo luogo possiamo trovare piante che attirano questi insetti variopinti e colorati, tanto acclamati da divenire veri e propri simboli di positività e ottimismo. All’ingresso del parco troveremo il Castello del XIV secolo.

Parco del Castello Grazzano Visconti

Un’atmosfera surreale ci avvolge, entriamo in un mondo eclettico, in cui coesiste l’atmosfera romantica creata dalle zone a bosco e dai vialetti sinuosi si intrecciano ad un gioco di luci ed ombre. Il parco del Castello fa parte del circuito Grandi Giardini Italiani.

Il Parco è aperto fino al 28 giugno, poi rimarrà chiuso fino all’8 di agosto, per poi riaprire fino al 15 novembre.

Orari d’apertura: Il Parco può essere visitato solo con visita guidata nei giorni di sabato, domenica e festivi: sabato ore 15.00 e 16.15; domenica ore 11.15, 15.00 e 16.15.

Per maggiori informazioni sui costi e sulle modalità di accesso, Grandi Giardini Italiani.

You Might Also Like